Brasserie Fantome

La Brasserie Fantome è il progetto di un visionario, un mastro birraio diventato famoso per le sue creazioni fuori dagli schemi, spesso eccelse e quasi sempre tendenti a un grado alcolico elevato. Un concetto che sta molto a cuore a Dany Prignon - e a suo padre, che ha fondato con lui il birrificio nel 1988 - è quello delle Bière de Table, ovvero le birre che fino a un secolo fa accompagnavano i pasti di ogni famiglia, quotidianamente. Birre che si compravano con le stesse frequenza e modalità con cui andava a comprare, per esempio, il pane. E come dal panettiere si scambiavano sempre chiacchiere, convivialità e storie di vita vissuta. Da qui il termine "Saison" che campeggia su quasi tutte le etichette di Fantome: più che allo stile birrario, fa riferimento al tipo di bevuta, che porta in sé la tradizione contadina vallona e l'attitudine conviviale della gente. Tutti elementi che si sono un po' persi con il passare del tempo e proprio per questo nasce la Brasserie Fantome: ravvivare una zona e una comunità ormai "assopite dalla troppa inattività".
Un birrificio famoso anche una per una certa inconstanza produttiva, che porta prodotti sempre un po' diversi nei nostri bicchieri, proprio come, probabilmente, succedeva in altre epoche ormai passate. Ma questo fascino dell'ignoto porta anche a delle epifanie di estrema goduria, come spesso accade con Saison Fantome e altre birre di Dany, diventate quasi oggetti di culto per molti appassionati.